Associazione Culturale - Ricerca e Studio sulle Attività Paranormali

Castello di Sanguinetto (VR)

Facebooktwittergoogle_plus

Situato nel cuore del paese, la notevole mole del castello di Sanguinetto richiama i fasti e le memorie di avvenimenti storici che dal Medioevo lo vedono protagonista fino al XIX sec. Innalzato per volere degli Scaligeri nel XIV secolo, il maniero fu donato al luogotenente Jacopo dal Verme, che lo passò al figlio Alvise, il quale nel 1416 ricevette da Sigismondo il titolo comitale. Il titolo fu confermato dal Senato della Repubblica di Venezia nel 1430. Nel 1452 il Castello venne confiscato ai discendenti Dal Verme accusati di tradimento e ceduto al Capitano della Serenissima, Gentile Della Lionessa. Alla sua morte gli succedettero le tre figlie: Nilla, Tirsa e Battistina sposate rispettivamente a Francesco Lion di Padova, Alessandro Venier di Venezia e Leonardo Martinengo di Brescia...

Continua...

Eccidio del 1945 presso un casolare – S. Margherita d’Adige (PD)

Facebooktwittergoogle_plus

Segnalazione ricevuta da una persona che ci ha contatti in seguito alle notizie dell’indagine svolta a Villa Mussolini – Primo sopralluogo:

Sette croci che sembrano riaffiorare in una parete della stalla ogni qualvolta che si cercava di tinteggiare il muro, questo prima dell’eccidio avvenuto nel ’45 in un podere a S. Margherita d’Adige (PD). Un eccidio commesso dalle SS. All’esterno della struttura, in stato di abbandono, c’è una lapide che ricorda questa mattanza che ha colpito una famiglia..bambini compresi. Il 24 novembre abbiamo svolto un primo sopralluogo, l’ambiente è molto piccolo, ovviamente non avremo a disposizione la corrente ma svolgeremo una piccola indagine a dicembre munendoci di registratori digitali e poca altra attrezzatura...

Continua...

Rocca di Ponte della Torre – Este (PD)

Facebooktwittergoogle_plus

La rocca della Torre è una delle poche strutture difensivi medievali superstiti nel territorio di Este. Costruita attorno al XI sec, la torre, che sorge a lato del fiume Frassine, faceva parte di un ampio tessuto di costruzioni difensive opportunamente collocate a difesa delle vie d’accesso alla città. Per secoli l’edificio difese Este dalle minacce che arrivavano dal veronese. Passata di mano all’esercito di volta in volta vittorioso, la torre ebbe sempre grande considerazione per le sue caratteristiche strategiche e fu restaurata varie volte. Anche i Veneziani ne apprezzarono l’uso e alzarono la struttura di un piano raggiungendo i 24 metri di altezza. Tolsero la precedente merlatura e inserirono dei grandi finestroni con archi a tutto sesto...

Continua...