Le indagini Archivi - Associazione Culturale

Category Le indagini

Castello Carrarese di Padova

Dimora del leggendario tiranno Ezzelino III da Romano, ma anche luogo di prigionia e tortura: oggi il nostro viaggio nel mistero ci porta a Padova in uno dei più importanti beni storici, architettonici, artistici e militari della città.

La fortificazione dell’area del castello, trova inizio molto prima dell’epoca carrarese: tracce di precedenti fortificazioni di quest’area risalirebbero sino all’epoca romana e successivamente bizantina.

Tra X e XI secolo, venne edificato un complesso, che aveva come nucleo la Torlonga, un’imponente torre dai muri spessi oltre 2 metri. Un primo vero e proprio castello fu voluto da Ezzelino da Romano, tiranno della città dal 1237 al 1256...

Continua...

Castello di Monselice (PD)

A distanza di anni, grazie alle autorizzazioni ricevute dall’ Immobiliare Marco Polo S.r.l. nella fattispecie del Dr. Aldo Rozzi Marin,siamo ritornati ad indagare in questo antico maniero. La leggenda narra che nel 1355 tra queste mura venne imprigionato Jacopino da Carrara. Alcuni testi descrivono lo spettro di Jacopino come un uomo smilzo, dai capelli grigi e spettinati che trascina i suoi passi incerti aiutandosi con un bastone.
Ma gli stessi testi annoverano anche un’ ulteriore figura: é quella di Avalda, amante di Ezzelino da Romano.Sarebbe percepibile allo sguardo come una donna di bassa statura e dalla carnagione bianchissima.
Nessun dubbio, infine, sull’esistenza storica di un terzo personaggio: si tratta di Giudita, compagna di Jacopino, condannata alla medesima sorte del marito...

Continua...

Parco Palude di Onara (PD)

L’antico paesino di Onara frazione di Tombolo: luogo da sempre noto per i suoi boschi, le sue paludi, e per aver dato i natali all’importante famiglia feudale degli Ezzelini.

Eccelo di Arpone, capostipite degli Ezzelini, discese in Italia nel 996 con l’Imperatore Corrado II il Salico, dal quale ebbe in dono, per i suoi servigi militari, i possedimenti di Onara e di Romano.

Proprio ai margini della palude, gli Ezzelini fortificarono il preesistente castello (probabilmente in origine si trattava solamente di una masseria fortificata con pali di legno e argini) prendendo il nome di “da Onara”...

Continua...